CBD 

per pagina
Risultati 1 - 40 sur 55
Mostrando 1 - 40 of 55 elementi

Qual è l'interesse terapeutico del cannabidiolo (CBD)?

Il cannabidiolo (CBD) è uno dei principali fitocannabinoidi presenti nella pianta di Cannabis sativa , insieme al THC. Gli obiettivi farmacologici del cannabidiolo sono molteplici. Il CBD ha un'affinità molto bassa per il recettore CB1, il che spiega perché non è "un mimetico della cannabis" e non mostra gli effetti psicoattivi del THC. Il CBD ha un'azione pleiotropica, in particolare sui recettori della serotonina (5HT1A), sui recettori della dopamina D2, sui recettori GABA, sul canale TRP o potenziale recettore transitorio, nonché sui sistemi glutamatergici, che potrebbero spiegare alcuni effetti neurologici e psicoattivi. In quanto tale, la sua azione a livello del cervello (attraverso questi recettori cerebrali) lo rende un prodotto psicoattivo a sé stante .

Isolato nel 1963, il cannabidiolo, meglio noto come CBD, sta gradualmente diventando una delle alternative naturali più utilizzate per il trattamento di un'ampia gamma di disturbi comuni.

Fino a poco tempo, era il componente psicoattivo della cannabis, il tetraidrocannabinolo (THC), a ricevere la maggiore attenzione grazie ai suoi benefici medicinali e alla capacità di produrre effetti che alterano la mente. Oggi, mentre la cannabis medica sta guadagnando terreno in tutto il paese, i ricercatori stanno scoprendo le incredibili proprietà dei nuovi cannabinoidi .

Cosa rende il CBD così speciale?

Il cannabidiolo è un cannabinoide con effetti diversi. Grazie ai suoi numerosi benefici medici , il CBD è usato per trattare una serie di condizioni comuni, tra cui dolore cronico , infiammazione , convulsioni , insonnia , spasmi , sclerosi multipla e disturbi mentali come ansia o persino depressione .

Come agente topico, olio CBD può essere applicato direttamente a determinate zone del corpo come un mezzo efficace per alleviare il dolore, ridurre l'infiammazione e alleviare condizioni infiammatorie della pelle quali la psoriasi, dermatite, psoriasi e. 'Eczema.

Poiché l'olio di CBD non è psicoattivo, il suo uso non crea un effetto di alterazione della mente a differenza del THC.

Come funziona il CBD nel corpo?

Nel corpo umano, il CBD, come tutti i cannabinoidi, interagisce con il sistema endocannabinoide, diffuso attraverso il corpo umano.
Esercita un'azione attraverso i recettori CB1 (presenti per lo più nel cervello e nel sistema nervoso centrale) per i quali ha solo una debole affinità antagonista. Pertanto, ha in particolare la capacità di attenuare alcuni effetti del THC (che ha una forte affinità per il recettore CB1).

È inoltre un agonista inverso dei recettori CB2 (presenti essenzialmente nel sistema nervoso periferico e negli organi del sistema immunitario), per i quali possiede un'elevata affinità, che gli conferisce proprietà di controllo dell'omeostasi .

I meccanismi d'azione del CBD sono molteplici:

  • Inibizione di alcuni effetti del THC sul recettore CB1, tra cui: sensazione di ubriachezza o aumento dell'appetito.
  • Bloccando il rilascio di tutti i neurotrasmettitori attivanti e stimolanti (sostanze messaggere del sistema nervoso), come dopamina, acetilcolina, noradrenalina. Alcuni effetti antinfiammatori potrebbero essere basati su questo meccanismo d'azione.
  • Attivazione del recettore 5-HT1A. La sua attivazione può alleviare l'ansia. Altri effetti del CBD sono anche attribuiti all'attivazione di questo recettore.
  • Agonista dei recettori GPR3 e GPR6. GPR3 è implicato nel morbo di Alzheimer mentre GPR6 svolge un ruolo potenziale nel morbo di Parkinson. A dosi elevate, il CBD si lega al recettore della dopamina-2, come altri farmaci per la psicosi.
  • Efficaci antiossidanti, perché catturano i radicali liberi. È stato dimostrato che il CBD previene anche il danno ossidativo causato dal perossido di ossigeno o meglio dell'acido ascorbico (vitamina C) o del tocoferolo (vitamina E).


Anche se il CBD è più comunemente usato per alleviare il dolore , la ricerca ha dimostrato che è benefico per alleviare i crampi, il mal di testa e la psoriasi. Gli effetti del CBD possono aumentare i livelli naturali di endocannabinoidi antidolorifici, diminuire le risposte infiammatorie e desensibilizzare i recettori del dolore .

Il ruolo del CBD nel ridurre alcuni sintomi nel dominio somatico

Il CBD è un efficace antidolorifico e antinfiammatorio . Riduce i sintomi del dolore acuto e cronico, o quelli indotti da trattamenti pesanti, senza l'effetto di assuefazione di alcuni farmaci esistenti.

Inoltre, è utile per il trattamento di malattie infiammatorie croniche intestinali come il morbo di Crohn . Il CBD ha anche proprietà antiossidanti ritenute efficaci contro l'infiammazione della pelle.

Nei vari studi effettuati si può osservare una diminuzione del dolore, soprattutto nelle persone affette da cancro o artrite.

Il ruolo del CBD nel ridurre alcuni sintomi nel campo psichico

Il CBD ha infatti proprietà rilassanti e lenitive e riduce lo stress . Viene dato in particolare effetti ansiolitici perché apporta molti benefici alle persone che soffrono di stress post-traumatico.

Il CBD ha anche effetti positivi sull'umore e proprietà sedative per migliorare il sonno . È inoltre dotato di un potenziale d'azione antipsicotico che aiuta i pazienti affetti da schizofrenia , disturbo bipolare , depressione o altri disturbi mentali. Inoltre, a differenza di altri farmaci antipsicotici, il CBD è privo di effetti collaterali .

Per quanto riguarda gli effetti ansiolitici, diversi studi, principalmente condotti su animali, suggeriscono che il CBD riduce lo stress e l'ansia sia nei loro aspetti comportamentali che fisiologici. Sembrerebbe addirittura che gli effetti ansiolitici siano osservabili quando si assumono piccole dosi di CBD, ovvero meno di 5 mg per chilo. Studi clinici con soggetti umani supportano questo e suggeriscono che il CBD è, in effetti, efficace nel ridurre l'ansia .

CBD nella prevenzione delle malattie croniche e neurodegenerative e nel rafforzamento del sistema immunitario

Più nello specifico, il CBD previene la crescita dei tumori limitando la migrazione delle cellule tumorali, prevenendo così la comparsa delle metastasi. Attiva anche l'apoptosi, (cioè un processo attraverso il quale le cellule innescano la loro autodistruzione). Sarebbe quindi efficace contro varie malattie tumorali e tumori. Inoltre, attraverso effetti neuroprotettivi, il CBD può ridurre la gravità dei sintomi in alcune malattie neurodegenerative. Consente, ad esempio, di prevenire alcuni disturbi cognitivi nei pazienti affetti da Alzheimer , o nelle persone affette da diabete , riduce la pressione alta , che può portare a complicazioni a lungo termine come le malattie cardiovascolari, e potrebbe persino stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue .

L'efficacia del CBD nella prevenzione o nel trattamento di malattie gravi e/o croniche è stata finora ampiamente studiata e documentata . Il CBD fornisce effetti benefici nel trattamento di molte malattie per le quali è coinvolta l'attivazione del sistema immunitario, come il cancro, il morbo di Alzheimer, la sclerosi multipla, il diabete di tipo I e di tipo II, la malattia di Parkinson , la corea di Huntington, l'artrite e altri disturbi cerebrali o infiammazioni. Beneficia in particolare di effetti antinfiammatori e immunomodulatori, ovvero stimola o rallenta le reazioni del sistema immunitario, nonché di effetti neuroprotettivi proteggendo le cellule cerebrali. Ad esempio, diversi studi sugli animali hanno mostrato una diminuzione della crescita dei tumori cancerosi e un'inibizione delle metastasi con la somministrazione di CBD.

L'interesse del CBD nel trattamento dei disturbi neurologici diagnosticati

Durante un'ampia ricerca, è emerso che il CBD può anche curare o ridurre i sintomi legati a diverse forme di epilessia. È particolarmente promosso come trattamento efficace per prevenire o ridurre le crisi epilettiche . Gli effetti anticonvulsivanti del CBD si applicano anche alle convulsioni indotte da altri disturbi neurologici.

In effetti, diversi studi e rapporti hanno mostrato gli effetti anticonvulsivanti del CBD. Questa ricerca suggerisce in particolare che il CBD - tra 25 e 50 mg per chilo somministrato in un periodo da tre mesi a un anno - potrebbe ridurre la frequenza delle convulsioni. Numerosi studi hanno testato gli effetti del CBD nei bambini con una forma grave e rara di epilessia resistente al trattamento – la sindrome di Dravet – e hanno trovato risultati relativamente positivi con la somministrazione di CBD, a 25 mg per kg per tre mesi, rispetto a la somministrazione di un placebo.

Fai attenzione, tuttavia, il trattamento con CBD non dovrebbe essere utilizzato per l'automedicazione. Il CBD deve richiedere il parere del medico in anticipo e consumato sotto controllo medico.

Partenza veloce!

Acquisto veloce

Risparmiare tempo utilizzando il modulo d'ordine rapido. Con pochi click, si può facilmente ordinare i tuoi riferimenti preferiti.

Formulaire de commande rapide

Vantaggi Soin et Nature La nostra qualità e la sicurezza garantita
farmacisti
esperti
dati
criptato
pagamento
sicuro
pacco
seguire
A vostra
ascolto