Oli essenziali biologici 

per pagina
Risultati 1 - 40 sur 205
Mostrando 1 - 40 of 205 elementi

Un olio essenziale biologico nasce da coltivazione biologica che garantisce la coltivazione della pianta aromatica su terreno sano e robusto, soggetto a condizioni naturali, che escludono l'uso di fertilizzanti chimici, pesticidi e altre sostanze chimiche. .

Sulle etichette dell'olio essenziale biologico compaiono le iniziali riferite all'origine della pianta utilizzata, le etichette più famose sono senza dubbio l'etichetta alimentare verde Agriculture Biologique (AB) con la foglia verde europea o l'etichetta Cosmebio per gli oli essenziali cosmetici biologici.

Acquista i tuoi oli essenziali biologici nella nostra farmacia approvata dall'ARS

Oli essenziali biologici : tutti i nostri oli essenziali provengono da laboratori farmaceutici e sono chemiotipizzati. Gli oli essenziali biologici che distribuiamo sono 100% puri , 100% naturali e 100% completi o integrali.

Olio essenziale HECT o HEBD : Presentiamo in vendita solo oli essenziali certificati BIOLOGICI da ECOCERT, HEBBD (oli essenziali botanicamente e biochimicamente definiti) e HECT (oli essenziali chemotipizzati).

Come si ottengono gli oli essenziali biologici?

La distillazione a vapore è il metodo più comune per estrarre gli oli essenziali. L'estrazione degli oli essenziali dalle bucce degli agrumi (pericarpo) avviene mediante spremitura a freddo . Le essenze vengono estratte dall'enfleurage caldo e dall'enfleurage freddo, nonché dall'estratto di Co2.

Come scegliere il tuo olio essenziale biologico?

Un olio essenziale biologico deve essere naturale , vale a dire idealmente proveniente da agricoltura biologica. In questo modo, puoi essere certo che il tuo olio essenziale non conterrà pesticidi o OGM...

Gli oli essenziali biologici chiamati "biologici" (almeno il 95%) sono marchiati AB, Cosmebio o Ecocert. È la garanzia di un prodotto senza aggiunte, con una tracciabilità reale e un controllo rigoroso.

Sulla bottiglia, oltre al nome latino e alla famiglia botanica della pianta, è presente il chemiotipo - che definisce la/e molecola/e biochimicamente attiva/e e la/e maggioranza/e -, la data di scadenza. .

Le caratteristiche organolettiche , fisico-chimiche e cromatografiche degli oli essenziali biologici sono perfettamente definite ed elencate nell'ambito dello sviluppo degli standard da parte dell'AFNOR. Quando acquisti un olio essenziale di qualità, quell'olio deve soddisfare molti criteri di qualità verificabili sull'etichetta.

L' etichettatura dell'olio essenziale che si desidera acquistare dovrebbe includere:

  • il nome comune della pianta (limone) e il suo nome latino (citrus limonum)
  • la composizione e l'origine dell'olio e, se possibile
  • componenti parte della pianta distillata (fiore, foglia, fusto, corteccia, radice)
  • il principale ingrediente attivo
  • il processo di estrazione (per distillazione della pianta o per spremitura meccanica riguardante gli agrumi)
  • il chemiotipo
  • origine (area geografica o paese)
  • la quantità netta
  • la durata di conservazione dell'olio ( data di scadenza )

Molte proprietà sono legate agli oli essenziali organici. Possono avere un impatto sulla circolazione sanguigna e linfatica, sul sistema nervoso, digerente e ormonale.

Possono svolgere un ruolo antisettico, antinfiammatorio, antibatterico, antivirale o essere riconosciuti per le loro proprietà anestetiche o mucolitiche. Salvo diversa indicazione, le formulazioni sono destinate a pazienti adulti, non epilettici, non asmatici, non renali o epatici.

Le donne incinte o che allattano dovrebbero evitare l'uso di oli essenziali. Alcuni oli essenziali imitano l'azione degli ormoni e sono controindicati nei pazienti con una storia di cancro ormone-dipendente. Un olio essenziale può essere conservato fino a cinque anni, in una bottiglia di vetro fumé, ben chiusa e protetta dalla luce.

Come usare gli oli essenziali biologici?

Quando applicati sulla pelle, gli oli essenziali organici passano attraverso i pori della pelle, entrano nei capillari sanguigni che li guidano all'organo bersaglio e possono così agire in profondità in tutto il corpo. Dopo l'assorbimento, vengono quindi eliminati dagli emuntori (organi che assicurano l'eliminazione delle tossine) come i polmoni tramite espettorato o muco, la pelle tramite sebo e sudore, i reni tramite l'urina e l'intestino tramite le feci.

È quindi fondamentale utilizzare oli essenziali biologici di qualità , puri e naturali al 100%, di origine controllata e chemiotipica, non privi di terpene, con il nome HEBBD (che significa che l'Olio Essenziale è Botanicamente e Biochimicamente Definito), mantenerli in buone condizioni ( flacone ben chiuso al riparo dalla luce) e usarli sempre diluiti e a basse dosi.

La maggior parte degli oli essenziali biologici deve essere diluita 1/5 (alta concentrazione, riservata alla pratica medica), il più delle volte 1/10 o addirittura 1/20 o 1/100 (bassa concentrazione, comune per l'uso di oli essenziali in cosmetologia sconsigliato mescolare più di 3 EO nella stessa preparazione.

Come regola generale, non è raccomandato l'uso di oli essenziali biologici su donne in gravidanza o che allattano, specialmente durante i primi tre mesi di gravidanza quando si stanno formando i tessuti fetali, nonché nei bambini a causa dell'immaturità dell'enzima infantile. Per gli animali da produzione e da compagnia, l' aromaterapia dovrebbe essere adattata, poiché alcune specie non hanno determinati sistemi metabolici enzimatici.

Alcuni oli essenziali organici possono essere tossici e pericolosi senza controllare le loro precauzioni per l'uso. Si consiglia quindi di orientarsi verso l' omeopatia , la fitoterapia o l' idrolaterapia (acque floreali) per le donne in gravidanza o allattamento, oltre che per i bambini.

Non è consigliabile assumere un olio essenziale biologico per via orale sistematicamente, nonostante alcune idee ricevute. Alcuni oli essenziali biologici , infatti, possono essere tossici e pericolosi per il fegato, i reni, l'apparato digerente e il sistema nervoso. In caso di dubbio, favorire l'applicazione sulla pelle o sulle vie respiratorie (inalazione, olfatto, diffusione).

Un olio essenziale biologico può essere conservato in un flacone colorato al riparo da fonti di calore e luce, con la testa rivolta verso l'alto e chiuso ermeticamente (per evitare di denaturare le molecole) in genere 5 anni. Ma la conservazione di un olio essenziale biologico può variare a seconda del suo contenuto:

  • Famiglie di agrumi (agrumi) → Bergamotto, limone, mandarino, ecc.

Sono considerati oli essenziali leggeri e possono essere conservati fino a 1 anno in buone condizioni.

  • Oli carichi di Fenoli → Santoreggia di montagna, origano, chiodi di garofano, cannella, ecc.

Sono considerati oli essenziali pesanti e possono essere conservati fino a 5 anni in buone condizioni.

Precauzioni da adottare per godere dei benefici degli oli essenziali biologici:

C'è una cosa essenziale da sapere; un olio essenziale biologico è un estratto liquido di piante aromatiche, concentrato e complesso, ottenuto per distillazione per distillazione in corrente di vapore di piante aromatiche o organi di questa pianta (fiore, foglia, legno, radice, corteccia, frutto, ecc.). È l'essenza distillata della pianta aromatica. Di conseguenza concentrano molecole attive di cui sarebbe interessante conoscere alcune famiglie biochimiche da usare con cautela:

  • Oli essenziali organici ricchi di fenoli (acidi fenici), aldeidi e terpeni come letti di limone, timo e timolo, ylang-ylang, ecc. sono considerati oli potenzialmente pericolosi perché dermocaustici, allergenici e irritanti per le mucose e per la pelle. Sono potenzialmente pericolosi poiché possono causare ustioni, irritazioni e persino necrosi della pelle allo stato puro. Per questo è fondamentale diluirli sempre al massimo del 20% in una sostanza grassa (olio vegetale, burro vegetale, ecc.). Vale a dire che i fenoli orali sono epatotossici.
  • Oli essenziali biologici ricchi di cumarine come prezzemolo, angelica, sedano, bergamotto, arancia amara, ecc. sono considerati potenzialmente pericolosi perché sono oli essenziali che sono generalmente fotosensibilizzanti per la pelle, il che significa che possono causare una maggiore sensibilità della pelle alle radiazioni solari, specialmente ultraviolette, con conseguente eruzione cutanea. Questa reazione dovuta al sole causerebbe mutazioni nell'epidermide che portano al cancro della pelle. Per questo è fondamentale applicare un olio essenziale fotosensibilizzante circa 6 ore prima di esporsi al sole; preferire la sera prima di coricarsi per esempio. In caso di ustione con un olio essenziale, non è consigliabile metterci sopra dell'acqua, diluire immediatamente con olio vegetale!
  • Oli essenziali biologici ricchi di lattoni e chetoni come menta piperita, lavanda aspic, rosmarino ct verbenone, artemisia, ecc. sono considerati potenzialmente pericolosi perché sono oli che, a seconda del dosaggio errato, possono avere tossicità neurologica. Alcuni possono anche essere abortivi (rischio di aborto spontaneo), a seconda del livello di chetoni che contengono.
  • Oli essenziali biologici ricchi di sesquiterpenoli come cipresso, salvia, niaouli, carota, ecc. sono considerati potenzialmente pericolosi perché sono oli che sono qualificati come simili agli estrogeni; cioè stimoleranno gli ormoni femminili che agiscono sul sistema urogenitale, sulla ghiandola mammaria, sullo scheletro, sul sistema cardiovascolare, sul cervello, sull'apparato digerente, sulla pelle e sulle mucose. Solo, sono controindicati in caso di tumori ormone-dipendenti, mastosi, fibrosi, cancro alla prostata o una storia di tumori ormone-dipendenti.

L'aromaterapia è certamente una medicina naturale, ma è ben lungi dall'essere una medicina soft come siamo abituati a qualificarla. Per il medico aromaterapeuta Jean-Pierre Willem, “Questa non è medicina alternativa. Non è possibile automedicare”. Un solo cucchiaino di olio essenziale di tuia, ad esempio, può essere sufficiente per provocare la morte. Meglio evitare di giocare con la propria salute mescolando oli essenziali biologici senza conoscerne il contenuto molecolare e i dosaggi appropriati.

Trovi anche tutti i nostri consigli sul nostro blog con le avvertenze sull'uso di alcuni oli essenziali , nonché le diverse tecniche per ottenere gli oli essenziali .

Approfitta dei nostri naturopati certificati e dei nostri consigli per scegliere il trattamento più adatto ai tuoi problemi e alla tua situazione personale . Per ulteriori informazioni, non esitate a chiederci consigli sul nostro modulo sicuro .

Partenza veloce!

Acquisto veloce

Risparmiare tempo utilizzando il modulo d'ordine rapido. Con pochi click, si può facilmente ordinare i tuoi riferimenti preferiti.

Formulaire de commande rapide

Vantaggi Soin et Nature La nostra qualità e la sicurezza garantita
farmacisti
esperti
dati
criptato
pagamento
sicuro
pacco
seguire
A vostra
ascolto